Il Covid 19 ha provocato disturbi psicologici a 2 italiani su 3

Potrebbe sembrare un’esagerazione, ma non lo è affatto: il 65% degli italiani ha sofferto di qualche forma di disturbo psicologico (più o meno grave) causata dal lockdown conseguente al dilagare dell’epidemia.

Siamo purtroppo al secondo posto di questa speciale classifica a livello europeo che vede davanti a noi solo la Spagna, con il 69% della popolazione coinvolta, mentre dietro di noi i britannici, con il 63%, i tedeschi con il 50% e poi tutti gli altri paesi, con una media europea del 58%.

Lo studio, condotto dall'Istituto Elma Research per Angelini Pharma nei maggiori Paesi europei, è stato pubblicato il 10 ottobre in occasione della Giornata mondiale della salute mentale.

coronavirus.jpg

Tra i problemi più comuni insonnia, difficoltà ad addormentarsi o risvegli notturni (19%), mancanza di energia o debolezza (16%), tristezza o voglia di piangere (15%), paure e timori eccessivi (14%), mancanza di interesse o piacere nel fare le cose (14%), panico e attacchi di ansia (10%). Oltre il 60% degli intervistati a livello europeo ha dichiarato di aver avuto almeno due di questi sintomi.

La consapevolezza è il primo passo importante

La maggior parte delle persone (54% media europea, 51% in Italia) ha cercato di risolvere gli “effetti da lockdown” condividendoli con partner, familiari e amici; in pochi si sono rivolti ad un professionista, che si sia trattato del medico di base (18%), di uno psicologo-psicoterapeuta (11%) o di uno psichiatra (9% media europea, Italia 6%). Ma anche se questo dato resta basso, tuttavia l’epidemia ha fatto crescere nelle persone la consapevolezza del rischio di eventuali disturbi psicologici: più di 3 persone su 4 (il 76%), hanno ammesso di poter andare incontro ad uno o più di questi problemi. 

In una situazione di questo genere è quindi quanto mai importante e determinante al fine di una possibile soluzione rivolgersi allo psicologo per affrontare problematiche causate o acuite dall’emergenza sanitaria e dai cambiamenti imposti dalla stessa ai nostri stili di vita. Una terapia che può essere avviata in totale sicurezza, sia per il professionista che per il paziente: il colloquio psicologico on line offre la possibilità di effettuare consulenze e terapie limitando spostamenti e situazioni di rischio. La Psicologa Psicoterapeuta Maria Concetta Carlucci di norma riceve su appuntamento presso il suo studio di Psicologia e Psicoterapia di Padova. In questo particolare periodo offre la possibilità di effettuare colloqui on line di consulenza psicologica e di psicoterapia. Per ulteriori info cliccare QUI.